Recensione Libro| Lessico Famigliare, di Natalia Ginzburg

Lessico Famigliare, 280 pagine, edito da Einaudi,
pubblicato nel 1963.

Lessico Famigliare, trama del libro

lessico famigliare, di natalia ginzburg, Einaudi editore

Lessico famigliare è il libro di Natalia Ginzburg che ha avuto maggiori e piú duraturi riflessi nella critica e nei lettori. La chiave di questo straordinario romanzo è delineata già nel titolo.

Famigliare, perché racconta la la storia di una famiglia ebraica e antifascista, i Levi, a Torino tra gli anni Trenta e i Cinquanta del Novecento. E Lessico perché le strade della memoria passano attraverso il ricordo di frasi, modi di dire, espressioni gergali.
Scrive la Ginzburg: «Noi siamo cinque fratelli. Abitiamo in città diverse, alcuni di noi stanno all’estero: e non ci scriviamo spesso. Quando c’incontriamo, possiamo essere, l’uno con l’altro, indifferenti, o distratti. Ma basta, fra noi, una parola. Basta una parola, una frase, una di quelle frasi antiche, sentite e ripetute infinite volte, nel tempo della nostra infanzia. Ci basta dire “Non siamo venuti a Bergamo per fare campagna” o “De cosa spussa l’acido cloridrico”, per ritrovare a un tratto i nostri antichi rapporti, e la nostra infanzia e giovinezza, legata indissolubilmente a quelle frasi, a quelle parole».

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa

Ricevi i miei nuovi articoli nella tua casella di posta

Lessico famigliare – la mia recensione

Autobiografia, più che della sua vita, della vita della sua famiglia durante i difficili anni del Fascismo e dell’immediato dopoguerra.

Era da tempo che non leggevo un romanzo tanto coinvolgente. Per quanto siano state parecchie le letture interessanti fatte quest’anno, infatti, LESSICO FAMIGLIARE si differenzia da ciascuna di esse perché riesce a travolgere il lettore completamente, impedendogli di staccarsi. Una vicenda famigliare che fa da precursore allo stile dei memoire che ancora oggi amiamo tanto leggere. Intelligente, incalzante, ironico.

Insomma, uno di quei libri che non possono mancare nella vostra libreria mentale 🙂

Ti lascio anche il link per scaricare gratuitamente i miei amati segnalibro! Se li utilizzi nelle tue letture, taggami nelle foto o storie 🙂

Se ti piacciono, visita la mia sezione dedicata e scarica gratuitamente quelli che fanno al caso tuo!

scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente
scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente

Chi è Natalia Ginzburg

Scrittrice italiana. Ha pubblicato i suoi primi racconti nel 1933 su «Solaria». Nel 1938 ha sposato Leone Ginzburg, e con lui e con i figli ha patito il confino per antifascismo dal 1940 al 1943. Nel 1950 ha sposato in seconde nozze lo scrittore Gabriele Baldini.

Ha vissuto a lungo a Torino, ed è stata redattrice della Casa editrice Einaudi.
I suoi libri di narrativa (“La strada che va in città”, 1942; “È stato così”, 1947; “Tutti i nostri ieri”, 1952; “Valentino”, 1957, premio Viareggio; “Le voci della sera”, 1961; “Caro Michele”, 1973; “La città e la casa”, 1984), di memorie (“Lessico famigliare”, 1963, premio Strega), di saggi (“Le piccole virtù”, 1962; “Mai devi domandarmi”, 1970; “Vita immaginaria”, 1974; “La famiglia Manzoni”, 1983) sono caratterizzati da una scrittura nitida e sommessa e da un sottile impasto tonale che va dall’ironia alla saggezza, adatto a cogliere i piccoli gesti esemplari della vita quotidiana.
Più direttamente impegnato il testo “Serena Cruz o la vera giustizia”, 1990, pamphlet sul problema dell’adozione.

Nel suo teatro (raccolto nei volumi “Ti ho sposato per allegria e altre commedie”, 1967, e “Paese di mare”, 1973; cui sono seguiti “La poltrona”, 1985, e “L’interventista”, 1988) i temi e le propensioni stilistiche della G. tornano in un gioco dialogico di precisa e quasi astratta eleganza.
Nel 1983 Natalia viene eletta in Parlamento nelle liste del Partito Comunista Italiano, come indipendente, dove si impegna, animata da grande senso di giustizia e passione in cause umanitarie importanti.

Muore nell’ottobre del 1991, nella sua casa romana.
Qualche anno prima, in un articolo, aveva scritto:

“…pensiamo che la morte darà riposo. Immaginiamo allora la morte come un piccolo paese, o come una piccola casa, o una stanza. Qui abiteremo per sempre, con tutte le persone che abbiamo amato. Delle diverse idee che abbiamo sulla morte, questa è l’idea che più di tutte ci è cara. Il vero riposo è stare sempre con le persone amate. E perché non potrebbe essere così la morte? Chi l’ha detto che non sarà così?”

leggi le recensioni recenti dei libri letti

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa

Leggi gli articoli recenti:

scarica gli utlimi contenuti gratuiti di giulia con la giacca rosa

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂

Recensione Libro| Trust, di Hernan Diaz

Trust, 416 pagine, edito da Feltrinelli,
pubblicato il 3 maggio 2022.

Trust, trama del libro

recensione Trust di Hernan Diaz, edito Feltrinelli

New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred.

Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita un’impronta indelebile. Quattro testi, quattro generi letterari, quattro voci, quattro punti di vista compongono un raffinato gioco di specchi in cui dietro le scelte di un leggendario uomo d’affari americano si intravede la figura polimorfa e affascinante di una moglie, artefice misconosciuta della sua fortuna.

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa

Ricevi i miei nuovi articoli nella tua casella di posta

Trust– la mia recensione

Diaz gioca con la struttura in una maniera che forse solo Inception ha saputo fare. Contiene 4 generi letterari diversi che si intrecciano come un grosso enigma che funziona alla perfezione.

Nonostante ci sia la mano invisibile della finanza che accompagna il vissuto dei coniugi Bevel per tutto il libro, il romanzo è godibilissimo. Intelligente, 400 pagine che esplorano l’ambizione umana che confina con l’autoinganno.

Consigliatissimo!

Ti lascio anche il link per scaricare gratuitamente i miei amati segnalibro! Se li utilizzi nelle tue letture, taggami nelle foto o storie 🙂

Se ti piacciono, visita la mia sezione dedicata e scarica gratuitamente quelli che fanno al caso tuo!

scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente
scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente

Chi è Hernan Diaz

Hernan Diaz è Managing Editor di “Revista Hispánica Moderna” (RHM), e direttore associato dell’Istituto ispanico presso la Columbia University. È l’autore di Borges, Between History and Eternity (Bloomsbury, 2012), e Il falco (Neri Pozza 2018), finalista al premio Pulitzer 2018.

leggi le recensioni recenti dei libri letti

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa

Leggi gli articoli recenti:

scarica gli utlimi contenuti gratuiti di giulia con la giacca rosa

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂

Recensione Libro| La memoria di Babel, libro 3 della saga attraversaspecchi, di Christelle Dabos.

La memoria di Babel, 482 pagine, edito da E/O.
Terzo libro della saga Attraversaspecchi, leggi i primi due libri:

La memoria di Babel, trama del libro

Nel terzo intenso volume della saga Christelle Dabos ci fa esplorare la meravigliosa città di Babel. Nel cuore di Ofelia vive un segreto inafferrabile, chiave del passato e, nello stesso tempo, chiave di un futuro incerto.

Dopo due anni e sette mesi passati a mordere il freno su Anima, la sua arca, per Ofelia è finalmente arrivato il momento di agire, sfruttare quanto ha scoperto nel Libro di Faruk e saputo dai frammenti di informazioni divulgate da Dio. Con una falsa identità si reca su Babel, arca cosmopolita e gioiello di modernità. Basterà il suo talento di lettrice a sventare le trappole di avversari sempre più temibili? Ha ancora una minima possibilità di ritrovare le tracce di Thorn?

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa

Ricevi i miei nuovi articoli nella tua casella di posta

La memoria di Babel – la mia recensione

la memoria di Babel, libro 3 saga Attraversaspecchi, di Christelle Dabos, E/O editore
Foto di @sonia_sakura_

Terzo libro della saga “l’Attraversaspecchi” e come i precedenti due volumi ( Fidanzati dell’inverno e Gli scomparsi di Chiardiluna) l’ho apprezzato senza se e senza ma.

Ho percepito quella tensione amorosa che strizza l’occhio a Jane Austen e che per anni mi ha fatto sognare da quel divanetto della mia camera da letto su cui leggevo spesso. Il terzo libro e una rampa di lancio verso il quarto, un pò romanzo rosa, un pò thriller, sicuramente molto fantasy; un mix che non vi annoierà fino alla fine!

Ti lascio anche il link per scaricare gratuitamente i miei amati segnalibro! Se li utilizzi nelle tue letture, taggami nelle foto o storie 🙂

Se ti piacciono, visita la mia sezione dedicata e scarica gratuitamente quelli che fanno al caso tuo!

scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente
scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente

Chi è Christelle Dabos

Cresciuta a Cannes in una famiglia di musicisti e artisti, scrive le prime storie all’università. Durante un periodo di convalescenza si unisce al Silver Plume, una comunità di scrittori su internet che la incoraggia a partecipare a un concorso organizzato da Gallimard Jeunesse. Nel 2013 ha vinto il Prix du Premier Roman Jeunesse Gallimard-RTL-Télérama per Fidanzati dell’inverno (E/O 2018). Nel 2016 i primi due libri della saga sono stati premiati con il Grand Prix de l’Imaginaire. Nel 2019 escono in Italia il secondo e il terzo volume della quadrilogia L’attraversaspecchi, rispettivamente Gli scomparsi di Chiaridiluna e La memoria di Babel (E/O). Nel 2020 esce l’ultimo volume Echi in tempesta (E/O)

leggi le recensioni recenti dei libri letti

Leggi le ultime recensioni:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa
scarica gli utlimi contenuti gratuiti di giulia con la giacca rosa

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂

Recensione Libro| Uomini e Topi, di John Steinbeck

Uomoni e Topi, 117 pagine, edito da Bompiani,
pubblicato il 1 agosto 2001.

Uomini e Topi, trama del libro

Pubblicato nel 1937 negli Stati Uniti, apparso un anno dopo in Italia nella celebre traduzione di Cesare Pavese, Uomini e topi è un piccolo intenso dramma che colloca l’amara vicenda dei suoi protagonisti su uno sfondo di denuncia sociale.

Il romanzo affronta in chiave simbolica il problema dell’emigrazione contadina all’Ovest, terra di mancate promesse negli anni successivi alla Depressione: è la storia tragica e violenta di due braccianti che trovano lavoro in un ranch della California, il grande Lennie, gigante buono e irresponsabile, e il saggio George, guida e sostegno dell’amico nella vana resistenza alla difesa del mondo. Sfruttamento e lotte sociali, ingiustizia e sofferenza umana, tutti temi che verranno trattati con realismo aspro e risentito in Furore, sono qui espressi con una vena di lirica commozione e con quel vigore narrativo che fa di Steinbeck uno dei grandi autori americani.

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa

Ricevi i miei nuovi articoli nella tua casella di posta

Uomini e Topi – la mia recensione

Piccola premessa: se solitamente non leggete le premesse dei libri e vi fiondate nel testo… beh, questa volta vi consiglio vivamente di leggerla perchè è qualcosa di stupendo.

Detto ciò, siamo di fronte a una breve lettura di grandissima intensità. Si assapora tutto di quell’America difficile che vive del piccolo grande sogno di cambiamento ma che sopravvive in un tempo e luogo disumanizzante.

È un viaggio polveroso all’inseguimento di quella fragile speranza che ogni uomo di quel tempo aveva: poter possedere un pezzo di terreno e poter vivere dei frutti del suo lavoro.

Una storia d’amicizia straziante, dal sapore dolce amaro, narrata con l’incredibile filtro della realtà che toglie ogni disincanto.

Un grande classico che non può mancare tra le letture di questa estate!

Ti lascio anche il link per scaricare gratuitamente i miei amati segnalibro! Se li utilizzi nelle tue letture, taggami nelle foto o storie 🙂

Se ti piacciono, visita la mia sezione dedicata e scarica gratuitamente quelli che fanno al caso tuo!

scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente
scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente

Chi è John Steinbeck

John Ernest Steinbeck, Jr. (Salinas, 27 febbraio 1902 – New York, 20 dicembre 1968) è stato uno scrittore statunitense tra i più noti del XX secolo, autore di numerosi romanzi, racconti e novelle. Fu per un breve periodo giornalista e cronista di guerra nella seconda guerra mondiale.

Nel 1962 gli fu conferito il Premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: “Per le sue scritture realistiche ed immaginative, unendo l’umore sensibile e la percezione sociale acuta”. Considerato uno dei principali esponenti della cosiddetta “Generazione perduta”, ha ricevuto anche la Medaglia presidenziale della libertà dal Presidente Lyndon B. Johnson il 14 settembre 1964.

Autore di numerosi romanzi e racconti, genio letterario del ventesimo secolo, è uno dei massimi esponenti della letteratura americana e della cosiddetta “Generazione perduta”. Dopo aver frequentato la Stanford University senza mai laurearsi, comparve sulla scena letteraria con opere minori finché non raggiunse la notorietà con Pian della Tortilla (1935) a cui seguirono molti romanzi, racconti e saggi tra cui Uomini e topiLa lunga vallataFurore (opera grazie a cui Steinbeck ricevette il Premio Pulitzer, considerata il massimo capolavoro dell’autore), La luna è tramontataLa valle dell’EdenQuel fantastico giovedì ed infine Viaggio con Charley.

Steinbeck morì all’età di 66 anni, in seguito a una crisi respiratoria acutizzata dall’asma, il 20 dicembre del 1968 nella sua casa di New York.

leggi le recensioni recenti dei libri letti

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa
scarica gli utlimi contenuti gratuiti di giulia con la giacca rosa

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂