Shop| Giochi per neonati, carte ad alto contrasto per stimolare la vista!

Non tutti forse lo sanno, ma un bambino appena nato ha una visione di quello che lo circonda molto ridotta. Per arrivare a vedere, come intendiamo noi, bene ci vogliono all’incirca sei mesi: un percorso a tappe che parte da una visione offuscata e in bianco e nero della nostra realtà, per poi passare a una visione via via un pò più nitida delle forme, al riconoscimento in primis del rosso e del verde e poi di tutti gli altri colori.

L’attenzione al bianco e al nero

Ma perché, quindi, i libri in bianco e nero? Perché il contrasto risulta stimolante. Quindi non servono figure complesse, ma bastano geometrie o rappresentazioni stilizzate.

Per accrescere attenzione e sviluppare la  vista dei neonati i libri in bianco e nero sono degli ottimi supporti.  Da una parte li stimolano, dall’altra li aiutano a mantenere alta la concentrazione. 

Le mie carte ad alto contrasto

La mia proposta è pensata apposta per la fascia 0-3 mesi: delle carte in bianco e nero che possano essere appoggiate nella culletta, appese, portate come intrattenimento in macchina.

Acquista il set di carte ad alto contrasto.

Metodi di pagamento:

315519022_1491771424567025_3051932903522666406_n

SET CARTE ALTO CONTRASTO

Set di 6 carte in A5 per un totale di 12 figure ad alto contrasto.

15,00 €

Scrivimi per maggiori informazioni

Seguimi su Instagram

Novità:

gli ultimi articoli del blog

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE| Tema di Novembre: la natura in questa stagione e come ci si veste!

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE FAI DA TE (e non solo).

Ho iniziato a fare la carte tematiche per un’esigenza puramente personale: giocare con il mio bimbo. E devo dire che da subito sono state molto apprezzate!

Non avendo trovato in giro qualcosa che potesse coprire tutti i termini come avevo in mente, ho preso carta e penna (virtuali) e mi sono messa all’opera. Ho così composto dei primi mazzi che sono andati via via ad aumentare con il tempo.

PREMESSA: lo stile montessori vorrebbe che le carte fossero immagini reali, ma (scelta assolutamente personale) ho preferito renderle più attrattive con i disegni che risultavano decisamente piú colorati.

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE SCARICABILI GRATUITAMENTE!

scarica gratuitamente LE TUE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE

CONSIGLIO: scarica il pdf, taglia i rettangoli delle carte e plastificale in modo che siano resistenti ad acqua/bave/starnuti! 🙂

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa per ricevere gratuitamente le prossime carte tematiche o delle nomenclature

Per ricevere le card direttamente sulla tua mail:

COME UTILIZZARE LE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE.

Adesso che, in un modo o nell’altro, vi siete procurati le vostre carte tematiche non resta da fare altro che utilizzarle…ecco quindi alcuni spunti che ho preso e appreso dal blog Going Natual:

Presentazione per un bambino piccolo che deve ancora assimilare i vocaboli

Dotarsi di una copia di carte tematiche dell’argomento prescelto e presentargliele una ad una, seduti accanto a lui vicino ad un tavolino; dire chiaramente a voce alta il nome di ciò che è rappresentato sulla carta, lasciare che il bimbo la osservi e la manipoli poi porla sul tavolo, passando alla carta successiva. Dopo aver scorso tutte è possibile interrogarlo con domande del tipo “dov’è il gatto?” ed aspettare che individui la carta corrispondente.

Presentazione per un bambino che ha già appreso i vocaboli

Dotarsi di due mazzi di carte uguali e distribuire le carte del primo su di un tappeto, in fila; prendere una carta dal secondo mazzo e metterla accanto alla prima mostrando al bimbo come fare per più carte finché non avrà capito lo scopo del gioco e lasciarlo poi fare in autonomia: l’uso dei due mazzi racchiude in sé il controllo dell’errore.

Gioco del riconoscimento

Mettere tre carte sul tavolo, osservarle e commentarle ricordandosi di scandire bene il nome dell’oggetto rappresentato dopodiché chiedere al bambino di indicare uno tra gli stimoli rappresentati, andando ad esaurimento (es. ci sono un gatto, un cane e un maiale chiedergli “ Dove è il cane?”). Con bambini di 4 o 5 anni è anche possibile partire dalla descrizione e invitarli a indicare e nominare l’oggetto giusto (es. chiedere “dov’è l’animale con la coda, le orecchie lunghe e che abbaia? come si chiama?).

Gioco dell’associazione dei colori

Procurarsi un foglio colorato per ogni colore che si vuole insegnare, cominciando con soli due colori, ad esempio verde e rosso. Scegliere tra le carte a disposizione solo oggetti dei due colori prescelti e mischiarle dopodiché iniziare a girarle una alla volta, disponendole accanto al foglio colorato corrispondente.

Gioco delle categorie

prendete da due a quattro mazzi singoli di categorie (es. veicoli e gli animali). Disponete due carte, una per categoria su un tavolino, mischiate le altre disponete coperte sul tavolino. Invitate il bimbo a girare una carta alla volta e ad impilarla sulle altre già scoperte, nel giusto mazzo. Dapprima cominciate con due categorie molto diverse come quelle proposte, poi aumentate man mano la difficoltà scegliendo categorie più simili, ad esempio frutta e verdura oppure aumentando il numero dei mazzi.

Gioco del fare e del tempo (bambini dai 3 anni in su)

Creare delle carte che raffigurino le azioni principali della giornata, attaccare sul retro di ciascuna del velcro e creare un cartellone dal titolo “COSA HO FATTO OGGI?” Il cartellone, a seconda dell’età del bimbo può essere diviso in 3 sezioni (mattino, pomeriggio, sera) o anche secondo i 7 giorni della settimana (per bimbi delle elementari). Invitare poi il bambino a pescare dalla scatola l’azione svolta e a posizionarla nella giusta sezione del cartellone e, prima di andare a dormire, riguardarlo per fargli raccontare la sua giornata.

Come giochiamo con le card tematiche?

A Noah è piaciuto fin da subito fare il gioco dell’indovina il nome e nonostante ormai conosca perfettamente tutte le carte, ancora mi chiede di giocarci: il nostro mazzo è diventato ormai impegnativo, contiene più di 100 carte e a lui piace potersi mettere ogni volta alla prova a indovinare anche quelle carte non proprio facili per un bambino di nemmeno 3 anni (es: differenza tra penna e matita e così via).

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa

Shop| Nuova collezione: scopri “Gli amici del Bosco”!

Tutto parte da un ricordo: quello delle storie degli amici del bosco di Tony Wolf che hanno incuriosito la mia mente da piccina e mi hanno portato a sognare, da grande, di mondi nuovi dai colori tenui, di ritmi lenti al profumo di pioggia.

La collezione è limitata alla categoria regali new born, ma comprende la gamma completa di prodotti personalizzati:

Le carte milestone “I miei 12 mesi

carte milestone i miei 12 mesi "Amici del bosco"
carte i miei 12 mesi "Amici del bosco"

Le carte milestone “Le mie prime volte

Carte milestone "Le mie prime volte", gli amici del bosco, con quadernino omaggio
Carte milestone "Le mie prime volte", gli amici del bosco, con quadernino omaggio

Il quadernino A6 in omaggio

Quadernino omaggio con carte milestone

Il quadretto con nome

Il quadretto nascita

Shop offerta cofanetto dei ricordi
ma anche:
se siete interessati alla consegna a mano o all’acquisto di più prodotti in un’unica spedizione, mandatemi una mail con il form qui sotto o scrivetemi un messaggio in DM su instagram.

Visita il mio shop giuliaconlagiaccarosablog
Seguimi su Instagram

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE| Tema di Ottobre (Halloween edition)!

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE FAI DA TE (e non solo).

Ho iniziato a fare la carte tematiche per un’esigenza puramente personale: giocare con il mio bimbo. E devo dire che da subito sono state molto apprezzate!

Non avendo trovato in giro qualcosa che potesse coprire tutti i termini come avevo in mente, ho preso carta e penna (virtuali) e mi sono messa all’opera. Ho così composto dei primi mazzi che sono andati via via ad aumentare con il tempo.

PREMESSA: lo stile montessori vorrebbe che le carte fossero immagini reali, ma (scelta assolutamente personale) ho preferito renderle più attrattive con i disegni che risultavano decisamente piú colorati.

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE SCARICABILI GRATUITAMENTE!

scarica gratuitamente LE TUE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE

CONSIGLIO: scarica il pdf, taglia i rettangoli delle carte e plastificale in modo che siano resistenti ad acqua/bave/starnuti! 🙂

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa per ricevere gratuitamente le prossime carte tematiche o delle nomenclature

Per ricevere le card direttamente sulla tua mail:

COME UTILIZZARE LE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE.

Adesso che, in un modo o nell’altro, vi siete procurati le vostre carte tematiche non resta da fare altro che utilizzarle…ecco quindi alcuni spunti che ho preso e appreso dal blog Going Natual:

Presentazione per un bambino piccolo che deve ancora assimilare i vocaboli

Dotarsi di una copia di carte tematiche dell’argomento prescelto e presentargliele una ad una, seduti accanto a lui vicino ad un tavolino; dire chiaramente a voce alta il nome di ciò che è rappresentato sulla carta, lasciare che il bimbo la osservi e la manipoli poi porla sul tavolo, passando alla carta successiva. Dopo aver scorso tutte è possibile interrogarlo con domande del tipo “dov’è il gatto?” ed aspettare che individui la carta corrispondente.

Presentazione per un bambino che ha già appreso i vocaboli

Dotarsi di due mazzi di carte uguali e distribuire le carte del primo su di un tappeto, in fila; prendere una carta dal secondo mazzo e metterla accanto alla prima mostrando al bimbo come fare per più carte finché non avrà capito lo scopo del gioco e lasciarlo poi fare in autonomia: l’uso dei due mazzi racchiude in sé il controllo dell’errore.

Gioco del riconoscimento

Mettere tre carte sul tavolo, osservarle e commentarle ricordandosi di scandire bene il nome dell’oggetto rappresentato dopodiché chiedere al bambino di indicare uno tra gli stimoli rappresentati, andando ad esaurimento (es. ci sono un gatto, un cane e un maiale chiedergli “ Dove è il cane?”). Con bambini di 4 o 5 anni è anche possibile partire dalla descrizione e invitarli a indicare e nominare l’oggetto giusto (es. chiedere “dov’è l’animale con la coda, le orecchie lunghe e che abbaia? come si chiama?).

Gioco dell’associazione dei colori

Procurarsi un foglio colorato per ogni colore che si vuole insegnare, cominciando con soli due colori, ad esempio verde e rosso. Scegliere tra le carte a disposizione solo oggetti dei due colori prescelti e mischiarle dopodiché iniziare a girarle una alla volta, disponendole accanto al foglio colorato corrispondente.

Gioco delle categorie

prendete da due a quattro mazzi singoli di categorie (es. veicoli e gli animali). Disponete due carte, una per categoria su un tavolino, mischiate le altre disponete coperte sul tavolino. Invitate il bimbo a girare una carta alla volta e ad impilarla sulle altre già scoperte, nel giusto mazzo. Dapprima cominciate con due categorie molto diverse come quelle proposte, poi aumentate man mano la difficoltà scegliendo categorie più simili, ad esempio frutta e verdura oppure aumentando il numero dei mazzi.

Gioco del fare e del tempo (bambini dai 3 anni in su)

Creare delle carte che raffigurino le azioni principali della giornata, attaccare sul retro di ciascuna del velcro e creare un cartellone dal titolo “COSA HO FATTO OGGI?” Il cartellone, a seconda dell’età del bimbo può essere diviso in 3 sezioni (mattino, pomeriggio, sera) o anche secondo i 7 giorni della settimana (per bimbi delle elementari). Invitare poi il bambino a pescare dalla scatola l’azione svolta e a posizionarla nella giusta sezione del cartellone e, prima di andare a dormire, riguardarlo per fargli raccontare la sua giornata.

Come giochiamo con le card tematiche?

A Noah è piaciuto fin da subito fare il gioco dell’indovina il nome e nonostante ormai conosca perfettamente tutte le carte, ancora mi chiede di giocarci: il nostro mazzo è diventato ormai impegnativo, contiene più di 100 carte e a lui piace potersi mettere ogni volta alla prova a indovinare anche quelle carte non proprio facili per un bambino di nemmeno 3 anni (es: differenza tra penna e matita e così via).

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa

Leggi gli articoli recenti:

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE| Tema di Settembre: la scuola!

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE FAI DA TE (e non solo).

Ho iniziato a fare la carte tematiche per un’esigenza puramente personale: giocare con il mio bimbo. E devo dire che da subito sono state molto apprezzate!

Non avendo trovato in giro qualcosa che potesse coprire tutti i termini come avevo in mente, ho preso carta e penna (virtuali) e mi sono messa all’opera. Ho così composto dei primi mazzi che sono andati via via ad aumentare con il tempo.

PREMESSA: lo stile montessori vorrebbe che le carte fossero immagini reali, ma (scelta assolutamente personale) ho preferito renderle più attrattive con i disegni che risultavano decisamente piú colorati.

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE SCARICABILI GRATUITAMENTE!

scarica gratuitamente LE TUE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE

CONSIGLIO: scarica il pdf, taglia i rettangoli delle carte e plastificale in modo che siano resistenti ad acqua/bave/starnuti! 🙂

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa per ricevere gratuitamente le prossime carte tematiche o delle nomenclature

Per ricevere le card direttamente sulla tua mail:

COME UTILIZZARE LE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE.

Adesso che, in un modo o nell’altro, vi siete procurati le vostre carte tematiche non resta da fare altro che utilizzarle…ecco quindi alcuni spunti che ho preso e appreso dal blog Going Natual:

Presentazione per un bambino piccolo che deve ancora assimilare i vocaboli

Dotarsi di una copia di carte tematiche dell’argomento prescelto e presentargliele una ad una, seduti accanto a lui vicino ad un tavolino; dire chiaramente a voce alta il nome di ciò che è rappresentato sulla carta, lasciare che il bimbo la osservi e la manipoli poi porla sul tavolo, passando alla carta successiva. Dopo aver scorso tutte è possibile interrogarlo con domande del tipo “dov’è il gatto?” ed aspettare che individui la carta corrispondente.

Presentazione per un bambino che ha già appreso i vocaboli

Dotarsi di due mazzi di carte uguali e distribuire le carte del primo su di un tappeto, in fila; prendere una carta dal secondo mazzo e metterla accanto alla prima mostrando al bimbo come fare per più carte finché non avrà capito lo scopo del gioco e lasciarlo poi fare in autonomia: l’uso dei due mazzi racchiude in sé il controllo dell’errore.

Gioco del riconoscimento

Mettere tre carte sul tavolo, osservarle e commentarle ricordandosi di scandire bene il nome dell’oggetto rappresentato dopodiché chiedere al bambino di indicare uno tra gli stimoli rappresentati, andando ad esaurimento (es. ci sono un gatto, un cane e un maiale chiedergli “ Dove è il cane?”). Con bambini di 4 o 5 anni è anche possibile partire dalla descrizione e invitarli a indicare e nominare l’oggetto giusto (es. chiedere “dov’è l’animale con la coda, le orecchie lunghe e che abbaia? come si chiama?).

Gioco dell’associazione dei colori

Procurarsi un foglio colorato per ogni colore che si vuole insegnare, cominciando con soli due colori, ad esempio verde e rosso. Scegliere tra le carte a disposizione solo oggetti dei due colori prescelti e mischiarle dopodiché iniziare a girarle una alla volta, disponendole accanto al foglio colorato corrispondente.

Gioco delle categorie

prendete da due a quattro mazzi singoli di categorie (es. veicoli e gli animali). Disponete due carte, una per categoria su un tavolino, mischiate le altre disponete coperte sul tavolino. Invitate il bimbo a girare una carta alla volta e ad impilarla sulle altre già scoperte, nel giusto mazzo. Dapprima cominciate con due categorie molto diverse come quelle proposte, poi aumentate man mano la difficoltà scegliendo categorie più simili, ad esempio frutta e verdura oppure aumentando il numero dei mazzi.

Gioco del fare e del tempo (bambini dai 3 anni in su)

Creare delle carte che raffigurino le azioni principali della giornata, attaccare sul retro di ciascuna del velcro e creare un cartellone dal titolo “COSA HO FATTO OGGI?” Il cartellone, a seconda dell’età del bimbo può essere diviso in 3 sezioni (mattino, pomeriggio, sera) o anche secondo i 7 giorni della settimana (per bimbi delle elementari). Invitare poi il bambino a pescare dalla scatola l’azione svolta e a posizionarla nella giusta sezione del cartellone e, prima di andare a dormire, riguardarlo per fargli raccontare la sua giornata.

Come giochiamo con le card tematiche?

A Noah è piaciuto fin da subito fare il gioco dell’indovina il nome e nonostante ormai conosca perfettamente tutte le carte, ancora mi chiede di giocarci: il nostro mazzo è diventato ormai impegnativo, contiene più di 100 carte e a lui piace potersi mettere ogni volta alla prova a indovinare anche quelle carte non proprio facili per un bambino di nemmeno 3 anni (es: differenza tra penna e matita e così via).

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE| Tema di Agosto: animali marini!

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE FAI DA TE (e non solo).

Ho iniziato a fare la carte tematiche per un’esigenza puramente personale: giocare con il mio bimbo. E devo dire che da subito sono state molto apprezzate!

Non avendo trovato in giro qualcosa che potesse coprire tutti i termini come avevo in mente, ho preso carta e penna (virtuali) e mi sono messa all’opera. Ho così composto dei primi mazzi che sono andati via via ad aumentare con il tempo.

PREMESSA: lo stile montessori vorrebbe che le carte fossero immagini reali, ma (scelta assolutamente personale) ho preferito renderle più attrattive con i disegni che risultavano decisamente piú colorati.

CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE SCARICABILI GRATUITAMENTE!

scarica gratuitamente LE TUE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE

CONSIGLIO: scarica il pdf, taglia i rettangoli delle carte e plastificale in modo che siano resistenti ad acqua/bave/starnuti! 🙂

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa per ricevere gratuitamente le prossime carte tematiche o delle nomenclature

Per ricevere le card direttamente sulla tua mail:

COME UTILIZZARE LE CARTE TEMATICHE O DELLE NOMENCLATURE.

Adesso che, in un modo o nell’altro, vi siete procurati le vostre carte tematiche non resta da fare altro che utilizzarle…ecco quindi alcuni spunti che ho preso e appreso dal blog Going Natual:

Presentazione per un bambino piccolo che deve ancora assimilare i vocaboli

Dotarsi di una copia di carte tematiche dell’argomento prescelto e presentargliele una ad una, seduti accanto a lui vicino ad un tavolino; dire chiaramente a voce alta il nome di ciò che è rappresentato sulla carta, lasciare che il bimbo la osservi e la manipoli poi porla sul tavolo, passando alla carta successiva. Dopo aver scorso tutte è possibile interrogarlo con domande del tipo “dov’è il gatto?” ed aspettare che individui la carta corrispondente.

Presentazione per un bambino che ha già appreso i vocaboli

Dotarsi di due mazzi di carte uguali e distribuire le carte del primo su di un tappeto, in fila; prendere una carta dal secondo mazzo e metterla accanto alla prima mostrando al bimbo come fare per più carte finché non avrà capito lo scopo del gioco e lasciarlo poi fare in autonomia: l’uso dei due mazzi racchiude in sé il controllo dell’errore.

Gioco del riconoscimento

Mettere tre carte sul tavolo, osservarle e commentarle ricordandosi di scandire bene il nome dell’oggetto rappresentato dopodiché chiedere al bambino di indicare uno tra gli stimoli rappresentati, andando ad esaurimento (es. ci sono un gatto, un cane e un maiale chiedergli “ Dove è il cane?”). Con bambini di 4 o 5 anni è anche possibile partire dalla descrizione e invitarli a indicare e nominare l’oggetto giusto (es. chiedere “dov’è l’animale con la coda, le orecchie lunghe e che abbaia? come si chiama?).

Gioco dell’associazione dei colori

Procurarsi un foglio colorato per ogni colore che si vuole insegnare, cominciando con soli due colori, ad esempio verde e rosso. Scegliere tra le carte a disposizione solo oggetti dei due colori prescelti e mischiarle dopodiché iniziare a girarle una alla volta, disponendole accanto al foglio colorato corrispondente.

Gioco delle categorie

prendete da due a quattro mazzi singoli di categorie (es. veicoli e gli animali). Disponete due carte, una per categoria su un tavolino, mischiate le altre disponete coperte sul tavolino. Invitate il bimbo a girare una carta alla volta e ad impilarla sulle altre già scoperte, nel giusto mazzo. Dapprima cominciate con due categorie molto diverse come quelle proposte, poi aumentate man mano la difficoltà scegliendo categorie più simili, ad esempio frutta e verdura oppure aumentando il numero dei mazzi.

Gioco del fare e del tempo (bambini dai 3 anni in su)

Creare delle carte che raffigurino le azioni principali della giornata, attaccare sul retro di ciascuna del velcro e creare un cartellone dal titolo “COSA HO FATTO OGGI?” Il cartellone, a seconda dell’età del bimbo può essere diviso in 3 sezioni (mattino, pomeriggio, sera) o anche secondo i 7 giorni della settimana (per bimbi delle elementari). Invitare poi il bambino a pescare dalla scatola l’azione svolta e a posizionarla nella giusta sezione del cartellone e, prima di andare a dormire, riguardarlo per fargli raccontare la sua giornata.

Come giochiamo con le card tematiche?

A Noah è piaciuto fin da subito fare il gioco dell’indovina il nome e nonostante ormai conosca perfettamente tutte le carte, ancora mi chiede di giocarci: il nostro mazzo è diventato ormai impegnativo, contiene più di 100 carte e a lui piace potersi mettere ogni volta alla prova a indovinare anche quelle carte non proprio facili per un bambino di nemmeno 3 anni (es: differenza tra penna e matita e così via).

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa

Leggi gli articoli recenti:

Illustrazioni per la cameretta dei bambini| la mappa del mondo con tutti gli animali.

Poster stampe per la cameretta dei bambini – la mia versione della mappa del mondo!

Ho pensato questa mappa del mondo per la cameretta di Noah. Gli animali illustrati sono il vero divertimento: Noah passa il tempo a cercarli e a chiamarli tutti, sempre stupito di quanti ce ne sono!

Ma in fondo, il mondo vero e’ cosi: pieno di bellezze e di animali da scoprire.

Se siete interessati al poster, lo trovate qui:

Posso mandarvelo sia in formato digitale che formato cartaceo; vi anticipo gia’ che per il cartaceo bisognera’ valutare la spedizione a seconda del formato che vorrete stampare.

Poster e stampe per la cameretta dei bambini – le versioni gratuite!

Quando si arreda la camera dei bambini, spesso non si sa come decorare le pareti. La carta da parati può risultare impegnativa, sia dal punto di vista dei costi che da quello dei gusti: i bambini cambiano idea e soggetti preferiti molto velocemente!

Le stampe, le serigrafie e i poster sono un modo economico per decorare le pareti della cameretta in modo ‘temporaneo’ senza tralasciare stile e originalità.

Scopri tutte le stampe gratuite che ho creato per te!

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂

Regalo per la nascita | 3 idee personalizzate

Ne ho create diverse negli ultimi due anni. Questa e’ una delle tante e devo dire che la parte piu’ bella e’ la personalizzazione: dal colore, all’animale che magari si vuole scegliere. E’ un regalo pensato, contenstualizzato (spesso va ad arredare la cameretta del nuovo nato) e ricorda l’evento piu’ bello che ci sia per una nuova famiglia.

Vuoi farti questo regalo o lo vuoi regalare a un tuo conoscente?

Scrivimi via mail o mandami un messaggio su Instagram, mi puoi trovare qui:

2. L’impronta in argilla

Devo ammettere che quando ho aperto il kit per poter fare l’impronta non ero molto entusiasta. Non ne capivo realmente la necessita’.

Oggi, a distanza di due anni, guardo il quadretto con l’impronta del piedino e della mano e sono veramente contenta di averlo ricevuto, fatto quando era appena nato e conservato.

Sembra impossibile che in due anni possano crescere cosi’ velocemente, eppure succede. E’ un dolce ricordo che ci portera’ dietro per sempre.

3. Buono spesa

L’ho messo al terzo posto non per importanza, ma perche’ solitamente e’ qualcosa che non si ama troppo fare.

In realta’, ho apprezzato tantissimo chi si e’ presentato con un buono regalo piuttosto che con l’ennesimo completino magari di 1 mese, indubbiamente bellissimo, ma che poi nella realta’ dei fatti ho sfruttato se tutto va bene 3 volte.

Quanti soldi abbiamo invece speso per i primi due mesi tra creme, cremine, e ci manca questo, manca quell’altro…insomma, tante piccole cosettine che ti rendi conto di averne bisogno solo quando hai il/la piccola/o a casa. E cosa c’e’ di meglio di una gift card?

Credo sia un regalo che in questo caso e’ veramente pensato per il/la nuovo/a nato/a e la sua famiglia; si mette da parte la necessita’ di dover accontentare l’orgoglio e si regala qualcosa che sara’ effettivamente utile.

Ricevi i miei nuovi articoli nella tua casella di posta

Se vuoi scambiare due chiacchiere, mi trovi qui: @giulia_gribaudo_

Se non ti vuoi perdere tutti gli aggiornamenti del BLOG inclusi i contenuti gratuiti da poter scaricare,
vienimi a trovere qui: @giuliaconlagiaccarosablog

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂

Poster per la cameretta dei Bambini – Novembre

Se trovate questi contenuti interessanti, iscrivetevi al blog!
Riceverete una mail ogni volta che verra’ pubblicato un articolo.

Come arredare la camera dei bimbi con i poster.

Stampa i tuoi poster con carta riciclata!
Io ti consiglio questo:

Clicca qui per acquistare la box.

Sei curioso di sapere cosa posso fare per te?

Poster per decorare la camera dei bambini

Se vi siete persi tutti gli altri poster pubblicati, fate un salto nella sezione dedicata “CONTENUTI PER BAMBINI“. Troverete un sacco di contenuti stampabili e di giochi da poter condividere con i vostri bambini!

Vi lascio qui qualche esempio: