Recensione Libro| Quel maledetto Vronskij, di Claudio Piersanti

Quel maledetto Vronskij, la trama

Quel maledetto Vronskij di Claudio Piersanti, la trama

“Perdonami, sono tanto stanca. Non mi cercare.” Solo questo lascia scritto Giulia, prima di scomparire nel nulla.

E suo marito Giovanni, nella casa improvvisamente vuota, si sente un naufrago. Il loro è un amore fatto di cose minime: la colazione al mattino, con le fette imburrate e la marmellata; un bacio volante prima di andare al lavoro e un altro più lungo la sera, quando lui torna dalla tipografia con le dita sporche d’inchiostro; abbracciarsi in giardino, tra le rose che lei ha potato con cura. Dopo una vita insieme, non hanno ancora perso la voglia di farsi felici l’un l’altra. O almeno, così credeva lui. Adesso Giovanni, in cerca di risposte, guarda tra i libri di Giulia e dagli scaffali pesca il più voluminoso: Anna Karenina. Comincia a leggere. E si convince che sua moglie abbia trovato un altro uomo, un amante focoso, un maledetto Vronskij. Geloso e amareggiato, si chiude in tipografia, deciso a creare una copia unica del capolavoro di Tolstoj: carta pregiata, copertina in pelle, nella speranza, un giorno, di farne il suo ultimo pegno d’amore per Giulia.Ma la vita non è un romanzo, procede per strappi lievi e imprevedibili. Quando il mistero della scomparsa si svela, Giovanni capisce che c’è sempre qualcosa che ci sfugge, e tutto ciò che possiamo fare è smettere di averne paura.

iscriviti gratuitamente alla newsletter di giulia conla giacca rosa

Ricevi i miei nuovi articoli nella tua casella di posta

Quel maledetto Vronskij – la mia recensione

Recensione de "quel maledetto Vronskij" di Claudio Piersanti, per Rizzoli editore

Bellissimo e profondo, Quel maledetto Vronskji rappresenta qualcosa di grande e prezioso, e attraverso il ritmo lento e implacabile scandito dalla brevità delle sue frasi, sa accogliere e raccontare la sfida più grande: stare insieme, nonostante tutto.

Questo libro è un inno all’amore incondizionato e reciproco,seppur non privo di elementi destabilizzanti e un po’ interrogativi. Ha saputo raccontare la malattia e il post malattia in un maniera nuova: contro ogni pregiudizio esterno il protagonista ha fatto suo il dono della resilienza, aspettando i tempi di guarigione non solo fisici ma anche dell’anima della sua amata.

Ho trovato questo libro romantico seppur narri per lo più di una separazione; dolce ma non stucchevole.

Ti lascio anche il link per scaricare gratuitamente i miei amati segnalibro! Se li utilizzi nelle tue letture, taggami nelle foto o storie 🙂

Se ti piacciono, visita la mia sezione dedicata e scarica gratuitamente quelli che fanno al caso tuo!

scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente
scopri la sezione dedicata ai segnalibri scaricabili gratuitamente

Chi è Claudio Piersanti

Laureato in Filosofia all’Università di Bologna con Luciano Anceschi, vive tra Roma e le Marche. Come sceneggiatore ha collaborato, tra gli altri, con Carlo Mazzacurati, Riccardo Milani e Maurizio Sciarra. Con Lorenzo Mattotti ha collaborato ad alcuni libri a fumetti (Stigmate, Torino, Einaudi, 1999; Anonymes, Parigi, Éditions du Seuil, 2000) apparendo anche nel documentario Mattotti di Renato Chiocca. Ha tradotto in italiano le Fiabe molisane (Milano, Mondadori, 1990). Per anni è stato direttore responsabile de La rivista dei libri, edizione italiana della New York Review of Books. Con L’amore degli adulti è stato finalista al Premio Bergamo; con Luisa e il silenzio ha vinto nel 1997 il Premio Viareggio; Il ritorno a casa di Enrico Metz ha ricevuto: il Premio Selezione Campiello il Premio Napoli, il Premio Alassio Centolibri – Un autore per l’Europa e il Premio Frontino-Montefeltro. Riceve il premio speciale di letteratura in occasione dei premi Flaiano 2021. Con Quel maledetto Vronskij vince il Premio Mastercard Letteratura 2021 ed è inserito fra i finalisti al Premio Strega 2022.

leggi le recensioni recenti dei libri letti

Leggi le ultime recensioni:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

conosciamo su instagram, mi trovi come giulia con la giacca rosa blog
visita lo shop di giulia con la giacca rosa
leggi gli articoli recenti di giulia con la giacca rosa
scarica gli utlimi contenuti gratuiti di giulia con la giacca rosa

Ci sono tantissimi contenuti gratuiti da poter scaricare 🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...